canali radio

Come aggiungere più canali al proprio radio comando, di Mario Sarti

Per il modello navigante della Smit Nederland che sto costruendo ho acquistato un gruppo radiocomando con TX 4 canali proporzionali ed 1 on/off più un ricevitore da 6 ch. In pratica utilizzerò due canali proporzionali (ch1 e ch3) per la gestione separata dei due motori e la direzione del modello; sistemati i motori però mi rimaneva solo un canale on/off e due canali proporzionali di cui uno con molla di ritorno ed uno senza. Gli altri asservimenti che vorrei attivare sono:

generatore vaporeradargeneratore rumore motore
luci cabinaproiettori esterniargano ancore
luci sottoponteluci albero e di sicurezzaargano traino
sirena nebbia

per un totale di almeno altri dieci comandi tutti tra loro indipendenti. Come fare?

Una prima ricerca mi ha dato l’opportunità di trovare uno scatolotto della Action Electronics, Quad-Switch P62, (www.componentshop.co.uk) che utilizzando la leva di un proporzionale attiva/disattiva quattro uscite; l’applicazione funziona ma non è di facile utilizzo per il fatto che la stessa leva può essere utilizzata per la velocità o la direzione. Allora ho cercato di trovare un sistema che mi permetta di attivare, senza una forzata sequenza e senza interferire con il trasmettitore “principale”, tutte i circuiti ausiliari. La scelta è caduta su alcuni prodotti montati e non, in vendita presso Futura Elettronica (www.futurashop.it), che con varie codifiche (HCS300/301, UM3750, Rolling Code, Motorola, etc) utilizzano moduli tx ed rx della Aurel; da precisare che i trasmettitori sono tutti già montati mentre alcuni ricevitori sono in kit da assemblare ma penso che questa non sia una grande difficoltà.

I trasmettitori possono essere a 2/3/4/6/10 canali, la portata dichiarata (max. 50ml in assenza di ostacoli) con frequenza di trasmissione di 433 o 868 Mhz e modulazione AM o FM.

Normalmente i ricevitori sono a 2/3/4 canali, ovviamente con diversa sensibilità a seconda della sistema di modulazione e banda di frequenza. uesti trasmettitori palmari, a parte quello da 10+2 canali, possono essere inseriti all’interno del contenitore del trasmettitore ed i tasti riportati all’esterno, come da foto sono quelli rossi. L’unica precauzione, affinché il sistema funzioni, è quella di accoppiare in modo coerente trasmettitore palmare e ricevitore sia in termini di frequenza che di codifica.

Dopo questa lunga digressione chiudo l’argomento mettendomi a disposizione per tutti coloro che avessero necessità di aiuto sia telefonicamente che via mail, masilca@libero.it.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: